Roberto Romeo, dipendente di una grande azienda italiana di 57 anni, per 15 anni ha usato il cellulare per più di tre ore al giorno senza protezioni. “Ora – spiega – non sento più nulla dall’orecchio destro perché mi è stato asportato il nervo acustico”.

“Per la prima volta una sentenza riconosce il nesso di causa tra l’uso improprio del cellulare e il tumore al cervello. Ora crediamo sia necessario riflettere su questo problema e adottare le giuste contromisure. Anche a livello politico e legislativo”. Lo hanno dichiarato gli avvocati Renato Ambrosio e Stefano Bertone, dopo la sentenza di primo grado del Ttribunale di Ivrea, del 30 marzo, che ha riconosciuto la correlazione tra il prolungato e improprio utilizzo del telefono cellulare e la comparsa di un tumore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cellulari e tumori, consulente tribunale: “Autori di studi scientifici lavorano per aziende telefoniche: conflitto d’interesse”

next
Articolo Successivo

Camorra, Nicola Cosentino condannato a 5 anni per tentato reimpiego di capitali illeciti

next