Per la prima volta un frammento di cuore umano è cresciuto su foglie di spinacio. Il tessuto biologico è stato rigenerato grazie al sistema vascolare della pianta. Il risultato, pubblicato sulla rivista Biomaterials, si deve ai ricercatori guidati da Joshua Gerslak, del Politecnico americano Worcester Polytechnic Institute (WPI).

È una prova di principio, hanno rilevato gli autori, ma apre le porte all’utilizzo delle piante come impalcature su cui coltivare strati del muscolo cardiaco, con cui in futuro trattare pazienti che hanno avuto un infarto. La tecnica con cui è stato coltivato il frammento di cuore ha permesso di superare una sfida fondamentale della rigenerazione di tessuti e organi umani, ossia lo sviluppo di un sistema vascolare per fornire il sangue ai tessuti in via di sviluppo.

Le attuali tecniche per ottenere organi in laboratorio, tra cui la stampa 3D, infatti non possono fabbricare la rete ramificata di vasi sanguigni che nei tessuti umani fornisce ossigeno, nutrienti e molecole essenziali per la loro crescita. Per risolvere questo problema, i ricercatori hanno deciso di sfruttare il sistema vascolare che nelle piante trasporta la linfa. ”Le piante e gli animali sfruttano approcci radicalmente diversi per trasportare fluidi e nutrienti, eppure ci sono somiglianze sorprendenti nelle loro strutture di reti vascolari”, hanno scritto gli autori. Il primo passo per far crescere il tessuto sulle foglie di spinacio è stato ‘spogliare’ le foglie di tutte le cellule vegetali. Grazie a un detergente sono state ‘lavate’ via tutte le cellule ed è stata lasciata solo la struttura di cellulosa, un materiale fibroso che non è dannoso per l’uomo. A questo punto la foglia è stata usata come impalcatura su cui far crescere le cellule del cuore che hanno rivestito anche tutto il suo sistema vascolare. Grazie a questo procedimento è stato ottenuto un tessuto cardiaco completo di vasi, che sono stati testati facendovi scorrere con successo fluidi con microsfere delle stesse dimensioni delle cellule del sangue.

Foto dal video Youtube

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, bimbo con difetto congenito al cuore salvato con una procedura riservata agli adulti: prima volta a livello mondiale

next
Articolo Successivo

Morbillo, già più di mille casi da inizio 2017. Lorenzin: “Urgente applicare nuovo piano vaccini”

next