Rubavano all’interno di caseifici, magazzini e abitazioni. E tra gli episodi contestati ci sono anche il furto di 16mila bottiglie di vino pregiato per un valore di circa 100mila euro e di 168 forme di parmigiano reggiano per oltre 80mila euro. La polizia di Modena, attraverso un’operazione avviata nelle prime ore della mattina, ha sgominato un’importante organizzazione criminale.

Le persone coinvolte sono prevalentemente italiane anche se è possibile che nel gruppo ci siano anche due cittadini serbi. Secondo quanto emerso dalle indagini, la regia nella pianificazione dei furti era nelle mani di un gruppo proveniente da Cerignola (Foggia) e composto da esponenti della criminalità comune modenese. Le indagini, condotte dai poliziotti della squadra mobile modenese e coordinate dalla procura di Modena, hanno fatto luce su una serie di episodi consumati nel 2015 e nel 2016.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Latte, dal 20 aprile obbligo di scrivere in etichetta il Paese di mungitura. “Ma varrà solo per i produttori italiani”

prev
Articolo Successivo

Seregno, il sindaco: “Basta dare soldi a chi chiede elemosina. I Rom? Una piaga”. Opposizione: “Dà manforte alla Lega”

next