Polemica vivace a L’Aria che Tira (La7) tra il direttore del TgCom24, Paolo Liguori, e la deputata Pd, Simona Malpezzi. Il giornalista denuncia: “L’altro giorno avete letto sui giornali che, durante il processo di Mafia Capitale, Carminati ha fatto il saluto romano. E tutti i giornali hanno aperto con quella foto. Però in quella stessa udienza Salvatore Buzzi ha cominciato a fare nomi e cognomi della nomenclatura del Pd, che lui pagava e manteneva. Ha avuto più rilievo il saluto romano di Carminati e si fa finta di non sentire quella roba di Buzzi”. E aggiunge: “Sono due anni che vengo in questa trasmissione e dico che, se non si risolve il nodo su quello che è stato veramente Mafia Capitale, non si va avanti. Ad esempio, il degrado di Roma sulle strade e sui giardini pubblici è terribile. Non si può più andare nei parchi coi bambini, perché sono sporchi e pericolosi. Ma voi sapete che tutta questa manutenzione prima veniva fatta dalle cooperative di Buzzi?” – continua – “Mafia Capitale era mantenuta dall’intera federazione del Pd di Roma. Ci sono atti giudiziari su questo. Ora Buzzi sta parlando e tutti fanno finta di non sentire. E sono sicuro che a Roma non si vuole discutere di questo”. “Per diritto di cronaca e anche per dovere, bisogna dire che molti casi sono già stati chiusi“, replica la deputata Malpezzi. E Liguori si infuria: “Sono stati chiusi i casi marginali! Tu non ti occupi di questo problema. Tu vivi a Roma, ma sei di Milano. Io sono nato a Roma, conosco Roma, conosco Buzzi e Odevaine. Capito, Malpezzi? Li conosco. Non accetto la frase ‘diritto di cronaca’, perché io sono cronista, osservatore e onesto. E non faccio politica

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia, il decreto dell’arcivescovo di Monreale: “Uomini di Cosa nostra non possono essere padrini di battesimo”

prev
Articolo Successivo

Giornata vittime mafie, Mattarella: “Lotta di tutti, prosciugare paludi corruzione. Politica sia impermeabile a infiltrazioni”

next