Bagarre a L’Aria che Tira (La7) tra il deputato Pd, Francesco Boccia, e il giornalista Claudio Velardi sull’operato del governo Renzi. Boccia stronca la riforma delle banche popolari e cita Banca Etruria: “Quanti decreti abbiamo fatto per rimborsare i risparmiatori? Tu non ti sei mai vergognato perché un governo ha dovuto fare tre decreti per rimborsarli? Io sì. Ti sembra normale? L’effetto della riforma voluta dal tuo amico Renzi, che stai difendendo, ha portato alcune persone a perdere tutto“. “E quante persone sono state salvate?”, insorge Velardi. “Nessuno”, risponde Boccia. “Questa è una bugia”, commenta il giornalista. “Non sai neanche di cosa parli” – ribatte il parlamentare dem – “Mettiti nei panni di chi ha perso tutto. Quella riforma di Renzi è una robaccia“. “Vogliamo passare a parlare di altri temi, come la scuola?”, chiede Velardi. Volano gli insulti tra i due protagonisti dello scontro, a stento moderato dalla conduttrice Myrta Merlino. “Io non volevo avviare questa tenzone” – interviene Velardi – “però io lo distruggo Boccia e distruggo tutti“. Boccia fa un’esclamazione di sfotto’ e gesticola, ridendo. E Nicola Fratoianni, leader di Sinistra Italiana, situato tra i due duellanti, commenta: “Sì, ma non nelle orecchie mie”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Consip, Emiliano a La7: “Una roba che avrebbe fatto saltare uno Stato. Invece tutti tranquilli e al loro posto”

prev
Articolo Successivo

Pd, Velardi vs Boccia: “Renzi? Ha creato la migliore squadra”. “E’ come dire che Valigi era meglio di Totti”

next