Un maxi attacco hacker che è costato a Marissa Mayer due milioni di dollari. La ceo di Yahoo! non riceverà il benefit ‘cash’ che le sarebbe spettato a causa della violazione di 500 milioni di account di Yahoo! avvenuta nel 2014.

“In risposta alle conclusioni della commissione indipendente relative all’incidente di sicurezza del 2014 – si legge nel report annuale del colosso informatico alla Sec, la Consob americana – il Cda ha deciso di non assegnare all’amministratore delegato un bonus in denaro per il 2016″. Dal documento emerge anche che Mayer si è offerta di rinunciare a qualsiasi premio per il 2017, “visto che l’incidente è avvenuto durante il suo mandato”.

Sempre in relazione all’incidente, il responsabile legale di Yahoo, Ronald S. Bell, si è dimesso. In un post su Tumblr, infatti, Mayer ha scritto di “aver espresso il desiderio che il bonus sia ridistribuito agli impiegati di Yahoo”. Il contratto di Mayer, riporta il New York Times, prevede un salario base di 1 milione di dollari all’anno, cui si aggiungono un bonus annuale di 2 milioni e un premio azionario di 12 milioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scheda video GTX1080Ti, in assenza di concorrenza NVIDIA supera se stessa

next
Articolo Successivo

With Me, l’app coreana per fare selfie con i morti e parlare virtualmente con loro

next