“Come farò a essere alternativo a Renzi dopo essere stato suo ministro e aver condiviso le sue politiche? Ovunque si compete tra chi fa parte dello stesso partito e governo. Ma vedrete, non resterò schiacciato tra l’ex segretario ed Emiliano“. Nel giorno del lancio della sua candidatura al Congresso Pd, annunciata al Circolo dem di Marconi a Roma, Andrea Orlando ha rivendicato discontinuità rispetto ai suoi competitor già in campo, ma senza sottolineare – almeno per ora – su quali temi si differenzierà dai suoi avversari. Eppure il ministro della Giustizia ha rilanciato: “Il problema non è stare con Renzi o contro Renzi. Ma costruire un nuovo profilo per il Pd”. Per poi aggiungere: “Non sentirete mai da me parole che potrebbe dire un populista o un sovranista: oggi quelle parole sono entrate anche dentro di noi”. Ha poi avvertito i suoi colleghi di partito: “Non sarà il capo della mia corrente, ma il segretario del Partito democratico

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd, la Commissione (a guida renziana) propone il 9 aprile. Emiliano e Orlando di traverso: “Troppo presto”

next
Articolo Successivo

Congresso Pd, Orlando si candida: “Io non alternativo a Renzi? Vedrete. Non verrò schiacciato tra lui ed Emiliano”

next