Italdesign Automobili Speciali. Si chiama così la nuova divisione con cui l’azienda di Moncalieri, che appartiene al gruppo Volkswagen, debutterà al prossimo salone di Ginevra. Il core business? Auto da sogno per pochi, anzi pochissimi. Come la coupé ultra sportiva, il cui nome verrà svelato durante la kermesse svizzera, che vedete nelle foto che vi proponiamo.

Si tratta di una supercar in edizione limitatissima, solo cinque esemplari da realizzare entro fine anno dal costo di 1,5 milioni di euro l’uno (personalizzazioni e optional esclusi), con carrozzeria costruita interamente in fibra di carbonio e telaio modulare in carbonio e alluminio. Lunga 4,85 metri, è spinta da un V10 5.2 aspirato parente stretto quello utilizzato da Lamborghini e dai modelli Audi più performanti: i primi dati diffusi al costruttore parlano di uno 0-100 coperto in 3,2 secondi e di una velocità massima che si attesta sui 330 orari.

Al design ci ha pensato Filippo Perini, responsabile stile di Italdesign dopo esserlo stato di Lamborghini, che riguardo all’estetica della nuova nata ha spiegato: “al di sopra della cintura le linee sono decisamente più morbide e continue, riprendendo la tradizione italiana delle GranTurismo. La parte inferiore è guidata dall’aerodinamica. Per garantire le prestazioni che avevamo in mente abbiamo osato, spingendoci al limite, sia da un punto di vista stilistico sia da un punto di vista esclusivamente tecnico. Il risultato è un design dal carattere potente, quasi estremo ma mai fine a se stesso”.

Insomma, con questa supercar Italdesign torna ad essere anche costruttore, come già era successo nel 1978 quando il fondatore Giorgetto Giugiaro aveva disegnato la coupé sportiva Bmw M1, fabbricata poi dall’azienda di Moncalieri in 430 esemplari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Honda Civic, la sfidante della Golf che viene dal Giappone – FOTO

prev
Articolo Successivo

Peugeot 5008, il crossover globale che manda in pensione le monovolume – FOTO

next