Gli automobilisti americani? Anziani e ciccioni. Almeno stando all’International Center for Automotive Medicine (ICAM) dell’università del Michigan, che ha presentato due nuovi modelli di manichini per i crash test delle automobili. Il primo pesa ben 123 chilogrammi, molto più di quelli usati finora, e il secondo simula il fisico una signora dall’età di 70 anni.

Potrebbe sembrare uno scherzo. In realtà come spiega Stewart Wang, uno degli ideatori, “le dimensioni del corpo sono fondamentali per capire quanto gravi saranno le conseguenze di un incidente e la normalità oggi è di trovare una persona obesa” al volante o come passeggero, sulle strade americane.

Di qui, la necessità di sviluppare prototipi nuovi ed inediti, che rispecchino fedelmente la “morfologia” di tutte le persone che potenzialmente possono subire un incidente. Questo perché l’entità di danni e ferite varia anche di molto a seconda della conformazione del corpo: un obeso, ad esempio, in caso di urto frontale tende a scivolare al di sotto della cintura di sicurezza.

Come riporta il sito della CNN, per modellare i nuovi manichini i ricercatori dell’ICAM hanno usufruito di un database nazionale, da cui hanno ricavato oltre seimila scannerizzazioni di corpi. Potendo cosìottenere indicazioni sugli occupanti dei veicoli. La cui sicurezza futura, dipenderà dunque anche dal “lavoro” dei nuovi arrivati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

PSA, trattativa ufficiale con General Motors per l’acquisizione di Opel

next
Articolo Successivo

Usa e Inghilterra, lo strano caso delle pompe di benzina. Diminuiscono, ma il consumo di carburante aumenta

next