Da anni attendono ormai la stabilizzazione dei propri contratti. Mai arrivata, al di là delle promesse dei vari governi. Così il Coordinamento dei precari dell’Istat (l’Istituto nazionale di Statistica), più di 350 persone assunte a tempo determinato con il censimento del 2011, si è radunato fuori dalla Direzione del Partito democratico per protestare: “Abbiamo ottenuto soltanto promesse. E ora da tre settimane siamo ostaggio delle correnti del Partito Democratico. Perché è lì che non si trova un accordo per trovare una soluzione alla nostra vertenza. Al contrario, i precari dell’Istituto nazionale di Sanità hanno ottenuto una norma identica a quanto noi richiediamo”. Eppure, rivendicano, i fondi sono già stati stanziati dall’Istituto. “Abbiamo anche il benestare del Mef e della Funzione pubblica. Ma il Pd non può giocare la sua faida tra correnti sulla nostra pelle”, ha rivendicato Angelita Castellano, una delle centinaia di precari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon, Delrio e il lavoro visto dal nonprofit

prev
Articolo Successivo

Molestie sessuali, dimostrare quelle sul lavoro non è difficile

next