“Mi viene da piangere a leggere questi messaggi delle tante mamme che mi hanno scritto. Mi fanno i complimenti, a me, ma io non voglio i complimenti. Sono loro che hanno coraggio”. Martina Camuffo la 36enne assunta al nono mese di gravidanza da una società di web designer a Mestre, reagisce così mentre scorre i messaggi che le arrivano dalle donne sui social, nel giorno che le ha dato la popolarità sui media. “Mi hanno scritto un sacco di mamme, nel gruppo social, disperate perché non hanno lavoro, o licenziate perché sono rimaste incinta, o donne a cui non è stato rinnovato il contratto. Mi sento un po’ la Giovanna d’Arco della situazione”. Martina, già mamma di una bimba di 2 anni, è ormai al termine della gravidanza. Attende un’altra figlia. Il parto è già stato programmato, per giovedì della prossima settimana.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alghero, sindaco Cupido: trovato ragazzo di cui si era innamorata 24enne di Pisa

next
Articolo Successivo

Vorrei essere Donald Trump

next