img-20170202-wa0005C’è la desolazione, certo. Che nasce dalla consapevolezza di aver perso tanto, in alcuni casi tutto. E c’è lo sconforto, “un principio di rassegnazione che fai di tutto per ricacciarlo indietro, ma alla fine non puoi rimuoverlo fino in fondo, quando ti ritrovi davanti a certe scene”. Ma c’è pure “la voglia di ripartire”, una sorta di frenesia che si concretizza in progetti, speranze, desiderio di dimostrare che resistere si può. “Si deve”. Ed è proprio quest’ansia di ricominciare che genera la rabbia. Rabbia per gli aiuti: “Arrivati in ritardo, pochi e difettosi”. Rabbia per le lentezze di “una burocrazia assurda, che spesso complica più problemi di quanti non ne risolva”. E rabbia per quello che si sarebbe potuto fare, per evitare i disagi attuali, e non è stato fatto.

A due settimane dalle scosse che hanno di nuovo colpito il Centro Italia, e che insieme alla neve hanno messo in ginocchio molti comuni appenninici di Lazio, Abruzzo e Marche, gli allevatori locali si ritrovano nel bel mezzo di un’emergenza che inizialmente è stata sottovalutata, e ora si preannuncia lunga e faticosa come non mai. “Siamo gente di montagna, a rialzare la testa dopo una batosta siamo abituati: ma stavolta è davvero dura”, dicono in tanti. Qualcuno – ci si basa su singole testimonianze, perché per avere un quadro puntuale è ancora presto  – decide di mollare, vendere stalle e bestiame e trasferirsi in città: L’Aquila, Ascoli, Rieti, Roma. Altri invece non desistono: “Ci siamo nati e cresciuti, quassù. Ma pretendiamo che le istituzioni ci aiutino: subito, ora”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vasto, quando ricostruirsi senza l’altro sembra impossibile

next
Articolo Successivo

Vaccini, una bussola per orientarsi tra le balle che girano al riguardo /2

next