Una foto a tutto campo che riporta l’immagine di Papa Francesco con un’espressione quasi accigliata. E in basso una scritta con venature di romanesco che contesta l’operato del pontefice. Sono i manifesti comparsi stamane sui muri di tutta Roma. “A Francè, hai commissariato Congregazioni, rimosso sacerdoti, decapitato l’Ordine di Malta e i Francescani dell’Immacolata, ignorato Cardinali… ma n’do sta la tua misericordia?”, si legge nel poster anonimo che non riporta sigle né simboli, ma è facilmente riconducibile agli ambienti conservatori che sempre più manifestano la loro opposizione al magistero, ai provvedimenti e alla linea pontificale di papa Bergoglio. La polizia ha comunque aperto un’indagine per identificare gli autori. I manifesti sono apparsi a via Labicana nei pressi del Colosseo, in corso Vittorio Emanuele, nel quartiere Prati, a Trastevere e anche nei pressi del Vaticano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco: “Evadere le tasse nega i principi del reciproco aiuto umano”

next
Articolo Successivo

Scontro treni Puglia, a feriti e parenti di vittime nessun aiuto economico dallo Stato: “Fondo da 10 milioni è bloccato”

next