“Le parole di Renzi sui vitalizi? Ha fatto male a dire una cosa del genere. Mi sono molto arrabbiato. Non per me, ma per gli altri”. Così l’ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, risponde a Lanfranco Palazzolo per Radio Radicale sul messaggio che Renzi, durante la diretta di Dimartedì (La7), ha inviato al conduttore Giovanni Floris (“Per me votare nel 2017 0 nel 2018 è lo stesso. L’unica cosa è evitare che scattino i vitalizi, perché sarebbe molto ingiusto verso i cittadini”). “I vitalizi in quanto tali non esistono più. Basta con questa cosa” – continua Bersani – “Esiste un regime integrativo, su cui si può discutere, ma basta. Qui ci sono dei trentenni, diventati prevalentemente renziani, quindi non sto facendo una difesa di bottega. E li ho visti umiliati. Non si può pensare che un giovane di 30 anni stia qui, perché quando avrà 65 anni prenderà qualche centinaio di euro. Allora vuol dire che proprio crediamo che l’uomo viva di solo pane. No, perbacco”. Il deputato dem auspica il ritorno a un nuovo Ulivo, di cui spiega le caratteristiche: “Quando dico Ulivo, intendo un Ulivo 4.0. Una cosa evocativa di due concetti: una salda cultura costituzionale democratica e un campo plurale. Perché questo è l’Ulivo. Penso che per reagire alle idee della nuova destra, che stanno entrando nella testa della gente, dobbiamo organizzare un nostro campo di idee, vasto, plurale, perfino slabbrato. Non dobbiamo pensarla tutti allo stesso modo su tutto, bastano 4 o 5 argomenti. Con meno di questo, il centrosinistra non ce la farà a reagire e ripartire”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Legge elettorale, Camera rinvia ancora: “Aspettiamo motivazioni Consulta”. A rischio arrivo in Aula il 27 febbraio

next
Articolo Successivo

Cara sinistra, il cambiamento parta dalla Lombardia e da Milano

next