Da una settimana non si hanno notizie di Vincenzo Costanzo, un italiano di 52 anni scomparso a San Josè, in Costa Rica, Paese nel quale vive da circa 25 anni e dove ha due figli. L’uomo, originario di Cosenza, stava trattando la vendita di un terreno del valore di alcuni milioni di euro che si trova a Panama, nell’isola di Cebaco.

Prima di sparire, martedì 24 gennaio, Costanzo aveva avvisato alcuni parenti, che vivono a Bari e in Calabria, di un appuntamento in programma con un amico italiano. Questa persona infatti lo aveva messo in contatto con i possibili acquirenti del terreno, 17 ettari di proprietà di una società in cui Costanzo avrebbe il 60% delle quote. È quanto ha riferito la sorella dell’uomo nella denuncia presentata ai carabinieri.

La trattativa per la vendita avrebbe dovuto concludersi nei giorni scorsi a Milano, dove era stato fissato, dopo vari rinvii, un appuntamento con i potenziali acquirenti. Costanzo, infatti, il giorno dopo la scomparsa avrebbe dovuto prendere un aereo per rientrare in Italia e per concludere la vendita del terreno. A testimoniarlo le valigie lasciate già pronte per il viaggio a casa dell’ex suocera. Della scomparsa, fanno sapere i familiari, è stata informata la Farnesina, che segue il caso. Contatti sono stati avviati anche con l’Interpol e con il consolato italiano in Costa Rica.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela, il Senato italiano si intromette negli affari del Paese

next
Articolo Successivo

Filippine, il presidente Duterte ferma le unità speciali anti droga: “Nella polizia c’è corruzione sistemica”

next