Martedi 24 gennaio Monica Cirinnà, prima firmataria della legge sulle unioni civili che ha traghettato l’Italia in Europa in quanto a diritti umani, ha presentato il romanzo di Eugenia Romanelli “La donna senza nome”, insieme alla giornalista Annarita Carbone. Un libro, uscito ormai un anno fa, che ha fatto parlare a lungo la stampa nazionale proprio nel momento in cui veniva discussa la legge. Raccontando infatti della storia d’amore tra Emma, nata da due madri, e Alberto, cresciuto dal nonno, il testo apre una serie di domande sugli immaginari da costruire per creare un nuovo mito dell’origine che sia in grado di rappresentare la contemporaneità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corte di Strasburgo: “Non si può riconoscere un figlio senza legame biologico e grazie a madre surrogata”

next
Articolo Successivo

Italia non Profit, nasce prima piattaforma online gratuita sul terzo settore. “Sostenere la cultura della donazione”

next