Martedi 24 gennaio Monica Cirinnà, prima firmataria della legge sulle unioni civili che ha traghettato l’Italia in Europa in quanto a diritti umani, ha presentato il romanzo di Eugenia Romanelli “La donna senza nome”, insieme alla giornalista Annarita Carbone. Un libro, uscito ormai un anno fa, che ha fatto parlare a lungo la stampa nazionale proprio nel momento in cui veniva discussa la legge. Raccontando infatti della storia d’amore tra Emma, nata da due madri, e Alberto, cresciuto dal nonno, il testo apre una serie di domande sugli immaginari da costruire per creare un nuovo mito dell’origine che sia in grado di rappresentare la contemporaneità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corte di Strasburgo: “Non si può riconoscere un figlio senza legame biologico e grazie a madre surrogata”

next
Articolo Successivo

Italia non Profit, nasce prima piattaforma online gratuita sul terzo settore. “Sostenere la cultura della donazione”

next