L’addio di Parmalat a Piazza Affari deve attendere. La Consob ha infatti sospeso l’istruttoria sul prospetto dell’offerta pubblica di acquisto lanciata attraverso Sofil dai francesi di Lactalis, che hanno già l’87,74% del gruppo del latte e puntano a comprare il rimanente 12,2% delle azioni e revocarle dalla quotazione. L’autorità ha chiesto di ricevere informazioni supplementari, che dovranno essere fornire nelle prossime due settimane.

Dopo il lancio dell’opa, per la quale i francesi hanno messo sul piatto 2,8 euro per azione, i fondi attivisti che raccolgono circa il 5% del capitale hanno fatto sapere che il prezzo era troppo basso. Il rappresentante del fondo Amber, che possiede circa il 3%, ha detto che “non è adeguato perché non riflette quello che è il valore intrinseco di Parmalat”, nonostante Lactalis affermi che incorpora un premio tra l’11% e il 18% sulla media dei prezzi in differenti periodi tra 1 e 12 mesi precedenti l’annuncio dell’offerta.

Amber a fine dicembre ha inoltre chiesto alla Consob che fosse fatta chiarezza in merito allo stato del contenzioso “tra Parmalat e Citigroup, che potenzialmente potrebbe avere un impatto rilevante, in senso positivo, sulla stessa Parmalat”. Tra Parmalat e Citigroup, dopo il crac del gruppo di Collecchio seguito alla gestione di Calisto Tanzi, c’è stato un fuoco incrociato di denunce per danni e per presunte irregolarità nella cartolarizzazione dei crediti vantati dall’azienda nei confronti delle società di distribuzione.

Alla commissione di vigilanza è stato anche chiesto “che vengano fornite informazioni sulle prospettive reddituali del gruppo e più in particolare delle società acquisite negli ultimi tre anni”.

 

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, imprenditore marchigiano: “Stato non mantiene promesse di aiuto”. In Abruzzo ufficio ricostruzione non esiste

next
Articolo Successivo

Agcom, verso la nomina a commissario un fedelissimo del forzista Romani. Pd: “Presenteremo un nostro candidato”

next