L’addio di Parmalat a Piazza Affari deve attendere. La Consob ha infatti sospeso l’istruttoria sul prospetto dell’offerta pubblica di acquisto lanciata attraverso Sofil dai francesi di Lactalis, che hanno già l’87,74% del gruppo del latte e puntano a comprare il rimanente 12,2% delle azioni e revocarle dalla quotazione. L’autorità ha chiesto di ricevere informazioni supplementari, che dovranno essere fornire nelle prossime due settimane.

Dopo il lancio dell’opa, per la quale i francesi hanno messo sul piatto 2,8 euro per azione, i fondi attivisti che raccolgono circa il 5% del capitale hanno fatto sapere che il prezzo era troppo basso. Il rappresentante del fondo Amber, che possiede circa il 3%, ha detto che “non è adeguato perché non riflette quello che è il valore intrinseco di Parmalat”, nonostante Lactalis affermi che incorpora un premio tra l’11% e il 18% sulla media dei prezzi in differenti periodi tra 1 e 12 mesi precedenti l’annuncio dell’offerta.

Amber a fine dicembre ha inoltre chiesto alla Consob che fosse fatta chiarezza in merito allo stato del contenzioso “tra Parmalat e Citigroup, che potenzialmente potrebbe avere un impatto rilevante, in senso positivo, sulla stessa Parmalat”. Tra Parmalat e Citigroup, dopo il crac del gruppo di Collecchio seguito alla gestione di Calisto Tanzi, c’è stato un fuoco incrociato di denunce per danni e per presunte irregolarità nella cartolarizzazione dei crediti vantati dall’azienda nei confronti delle società di distribuzione.

Alla commissione di vigilanza è stato anche chiesto “che vengano fornite informazioni sulle prospettive reddituali del gruppo e più in particolare delle società acquisite negli ultimi tre anni”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto, imprenditore marchigiano: “Stato non mantiene promesse di aiuto”. In Abruzzo ufficio ricostruzione non esiste

next
Articolo Successivo

Agcom, verso la nomina a commissario un fedelissimo del forzista Romani. Pd: “Presenteremo un nostro candidato”

next