L’Antitrust ha avviato un’istruttoria sull’acquisizione del controllo del polo La Stampa Secolo XIX da parte del gruppo Espresso. L’operazione annunciata nel marzo scorso infatti, si legge nella nota dell’autorità garante della concorrenza, “porterà alla costituzione di posizioni di monopolio o quasi monopolio nei mercati della raccolta pubblicitaria locale sui quotidiani nelle province di Torino e Genova” come conseguenza dell’integrazione delle attività delle concessionarie Manzoni (gruppo Espresso) e Publikompass, che fa capo a Italiana Editrice, la società in cui nel 2014 si sono fuse le editrici del quotidiano torinese e di quello genovese.

Di qui l’istruttoria, aperta dopo che nel mese di novembre l’accordo tra la famiglia De Benedetti e John Elkann, presidente di Fiat Chrysler e di Italiana Editrice, è stato formalmente notificato all’autorità per le sue valutazioni. L’obiettivo è accertare se in quei mercati la concentrazione sia suscettibile di “pregiudicare in maniera sostanziale e durevole le dinamiche concorrenziali”. La raccolta delle informazioni dovrà concludersi entro quarantacinque giorni, fatto salvo il termine previsto per il rilascio del parere da parte dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, che aveva dato il via libera alla fusione lo scorso ottobre. Per rispettare le soglie di tiratura previste dalla normativa, lo scorso anno il gruppo Espresso ha venduto i quotidiani locali Il Centro di Pescara e La Città di Salerno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieselgate, accusa negli Usa contro Fca: “Dati sulle emissioni manipolati”. Il titolo crolla in Borsa

next
Articolo Successivo

Dieselgate, Marchionne: “Non siamo criminali”. Un anno fa Elkann: “Fca tra le più rispettose dell’ambiente”

next