Apple, Google e Facebook sono le compagnie del settore informatico più “green” del pianeta. La maglia nera spetta invece ad Amazon Web Services, che “continua a mantenere i suoi clienti all’oscuro circa le proprie decisioni energetiche”, ma anche Netflix e Samsung sono ancora in ritardo nella corsa verso l’obiettivo di alimentarsi con energia al 100% rinnovabile. Lo racconta il report ‘Clicking Clean:Who is Winning the Race to Build a Green Internet?’ diffuso da Greenpeace USA, in cui viene analizzata l’impronta energetica dei grandi operatori di data center e di circa 70 tra siti web e popolari applicazioni. Nel 2017 la percentuale di elettricità globale utilizzata dal settore informatico supererà addirittura il 12%, per questo è importante capire quali politiche energetiche intraprendono le aziende leader a livello mondiale.

Ad oggi “quasi 20 compagnie del settore si sono impegnate a usare energia 100% rinnovabile” per le proprie attività, spiega il report. Oltre “ai grandi passi in avanti” mossi da colossi come Apple, Google e Facebook, è Switch a far registrare i progressi migliori nella transizione verso l’energia pulita. Tra le compagnie analizzata da Greenpeace ci sono anche Amazon e Netflix, valutate negativamente. “Nonostante gli annunci in fatto di rinnovabili, Amazon continua a mantenere i suoi clienti all’oscuro circa le proprie decisioni energetiche”, spiega Luca Iacoboni, responsabile della campagna Clima ed energia di Greenpeace Italia. “Tutto questo è alquanto preoccupante, soprattutto se teniamo conto che l’azienda sta allargando le proprie attività in aree geografiche in cui sono utilizzate prevalentemente energie sporche“.

Netflix invece nel 2015 aveva annunciato l’intenzione di controbilanciare completamente le proprie emissioni di CO2, ma “un’analisi più attenta – si legge nel report – ha rivelato che sta solamente comprando crediti di compensazione delle emissioni, senza aumentare gli investimenti in energie rinnovabili, l’unico modo per ottenere un futuro pulito”. “Al pari di Apple, Facebook e Google, Netflix è uno dei più grandi attori della galassia di internet e gioca un ruolo chiave nel decidere con quale energia questo settore vada alimentato”, sottolinea Iacoboni. “Deve dunque prendersi la responsabilità di assicurare che la sua crescita sia alimentata da energia rinnovabile, non da combustibili fossili, e deve porsi come capofila su questo tema”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Calabria, il park village di Capo Colonna e quei 79 bungalow invisibili

next
Articolo Successivo

Veneto, sì a legge pro-cacciatori: multe fino a 3.600 euro a chi li ostacola. Legambiente: ‘Frutto di scambi elettorali’

next