Gaffe, lapsus, sviste, affermazioni imbarazzanti: anche nel 2016 il “bestiario” verbale del mondo politico italiano si è presentato ricco di contributi. E come la vendemmia, le castagne e l’influenza, è un appuntamento stagionale fisso raccogliere alcune delle perle che hanno cadenzato l’anno appena trascorso. I temi caldi che hanno fatto caracollare i politici sono stati le unioni civili, le elezioni amministrative in alcune città e il referendum per la riforma costituzionale: negli annali degli archivi parlamentari resteranno indubbiamente la locuzione “stepchild adoption”, declinata nelle forme più bislacche, e le cantonate, più o meno gravi, sulla Costituzione. Ma non mancano anche citazioni capestro, errori di geografia, congiuntivi rivisitati, annunci apodittici a cui, come è consuetudine nello stivale, non ha fatto seguito nulla. In questo blob abbiamo racimolato alcuni dei frammenti più grotteschi e al contempo desolanti dell’annata politica appena passata: un’antologia video esemplare di come la “res publica” italiana non sia molto cambiata da venti anni a questa parte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costi politica, Rotondi (FI) vs Bonafede (M5S): “Siete come Achille Lauro. Politica non è fare carità”

prev
Articolo Successivo

M5s Ue, Di Battista: “Alde? Siamo percepiti come pericolo e corpo estraneo”

next