Non ci sono i verdiniani e i nomi restano sostanzialmente gli stessi. Anzi, l’unica novità del governo Gentiloni è un cambio di deleghe: Vito De Filippo, Pd, ex presidente della Basilicata, dalla Salute passerà all’Istruzione. Il percorso inverso lo fa Davide Faraone, che dall’Istruzione passa alla Salute. In più esce come previsto e annunciato dal ministero dell’Economia l’ex vice di Padoan, Enrico Zanetti, mentre se ne va da Palazzo Chigi il sottosegretario Tommaso Nannicini che aveva sostenuto Matteo Renzi sulle questioni del lavoro e della previdenza. Fine delle differenze con il governo Renzi. Nella conferenza stampa di fine anno Gentiloni ha negato che nominare Boschi e Lotti “sia stato un autogol”. Anzi, la Boschi, attualmente sottosegretaria alla presidente del Consiglio, “è una risorsa molto utile e di grande qualità – spiega Gentiloni – e, che ci si creda o no, sono io che ho chiesto a Maria Elena Boschi di fare questo lavoro e credo possa farlo bene”.

La lista dei sottosegretari
Tra i sottosegretari alcuni manterranno la carica di viceministro (come Bubbico all’Interno o Giro agli Esteri). Altri che figurano a Palazzo Chigi in realtà continueranno ad avere deleghe specifiche nei ministeri senza portafoglio come Amici e Pizzetti (Rapporti con il Parlamento), Rughetti (Pubblica Amministrazione), Bressa (Affari regionali).

Presidenza del Consiglio Maria Teresa Amici, Gianclaudio Bressa, Sandro Gozi, Luciano Pizzetti, Angelo Rughetti
Affari esteri e cooperazione internazionale Vincenzo Amendola, Benedetto Della Vedova, Mario Giro
Interno Gianpiero Bocci, Filippo Bubbico, Domenico Manzione
Giustizia Federica Chiavaroli, Cosimo Maria Ferri, Gennaro Migliore
Difesa Gioacchino Alfano, Domenico Rossi
Economia e finanze Pier Paolo Baretta, Luigi Casero, Paola De Micheli, Enrico Morando
Sviluppo economico Teresa Bellanova, Antonio Gentile, Antonello Giacomelli, Ivan Scalfarotto
Politiche agricole, alimentari e forestali Giuseppe Castiglione, Andrea Olivero
Ambiente e tutela del territorio e del mare Barbara Degani, Silvia Velo
Infrastrutture e trasporti Umberto Del Basso De Caro, Riccardo Nencini, Simona Vicari
Lavoro e politiche sociali Franca Biondelli, Luigi Bobba, Massimo Cassano
Istruzione, università e ricerca Vito De Filippo, Angela D’Onghia, Gabriele Toccafondi
Beni e attività culturali e turismo Dorina Bianchi, Ilaria Borletti Buitoni, Antimo Cesaro Salute Davide Faraone.

Dunque ci si può concentrare solo sulle poche novità. De Filippo, nuovo sottosegretario all’Istruzione, è stato presidente della Regione Basilicata per 8 anni, fino al 2013. E’ attualmente indagato per induzione indebita (la vecchia concussione) nell’ambito di un’inchiesta sullo smaltimento degli scarti di produzione di alcune aziende di allevamento in una centrale a biomasse di Picerno (Potenza), anche se a settembre la Procura ha anticipato la possibilità di chiedere l’archiviazione. L’ex governatore lucano è stato coinvolto anche nell’inchiesta sui rimborsi dei gruppi consiliari della Regione (per quell’inchiesta fu costretto alle dimissioni) e per questo è stato anche condannato dalla Corte dei conti a risarcire 2641 euro insieme ad altri 21 amministratori e consiglieri.

Davide Faraone, capo dei renziani siciliani, ex diessino, è ideatore della cosiddetta Leopolda siciliana. Al ministero dell’Istruzione si è occupato in particolare di edilizia scolastica riattivando l’osservatorio sugli edifici che da tempo era stato accantonato. Finì nell’inchiesta sui rimborsi della Regione Siciliana, ma poi la sua posizione è stata stralciata e infine archiviata.

L’uscita di Zanetti, infine, era prevista e annunciata da lui stesso per coerenza con la posizione del gruppo parlamentare che ha formato insieme ad Ala, cioè i verdiniani. Una rottura che è nata dalla mancata fiducia dei verdiniani al momento dell’insediamento del governo Gentiloni. “Non è una rottura con Ala, nel senso che la decisione che abbiamo preso è confermare il perimetro della maggioranza che sin qui ha sostenuto il governo – ha spiegato oggi il presidente del Consiglio – e confermare l’invito a dare un contributo e sostegno su singole misure che possono dare altre forze, a cominciare da Ala. Quindi niente di nuovo, sarebbe stato diverso se il nuovo governo fosse nato differenziandosi dal precedente in quella direzione”. Quanto a Zanetti, conclude Gentiloni, “ha preso una decisione che non è stata una mia decisione, anzi io gli avrei proposto una conferma e rispetto la sua decisione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conferenza di fine anno del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni – segui la diretta

next
Articolo Successivo

Governo, Gentiloni: “Rivendico continuità con Renzi. Lotti e Boschi nella squadra? Non sono un autogol”

next