Al ministero dello Sviluppo economico si tratta a oltranza per salvare i 2.511 lavoratori dei call center Almaviva a rischio licenziamento. L’opzione lodo non negoziabile e a scatola chiusa, lanciata nel primo pomeriggio dal ministro Carlo Calenda e dal viceministro Teresa Bellanova, è stata infatti accantonata e solo alle 20 – il termine ultimo per accettare la proposta del governo – è ripreso l’incontro plenario in cui le parti sono state invitate a riprendere la trattativa.

L’azienda ha fatto sapere di essere favorevole a un eventuale lodo, accogliendo la disponibilità del governo a redigerlo e apprezzando il significato della proposta. Almaviva ha però aggiunto che gli amministratori della società “valuteranno i contenuti di tale lodo tenendo conto dell’esigenza imprescindibile di garantire la continuità economica aziendale“. In particolare, in una nota diffusa da Almaviva si legge che gli stessi amministratori “non potranno accettare proposte sprovviste di azioni e strumenti capaci di garantire un piano di risanamento economicamente sostenibile, che abbia effetti sull’intero perimetro nazionale della società e che produca i suoi effetti concreti già a partire da gennaio 2017″.

Anche i sindacati vorrebbero conoscere i termini del lodo per poterlo valutare insieme ai lavoratori prima di prendere una decisione, considerando troppo complicata l’accettazione di una proposta a scatola chiusa. “Anche noi abbiamo dato la nostra disponibilità, ma prima di esprimere un parere volevamo consultare i lavoratori sui contenuti”, ha spiegato Giorgio Serao, segretario nazionale della Fistel Cisl.
La trattativa è quindi ricominciata anche se le posizioni delle parti restano distanti. Se Almaviva continua infatti a sottolineare l’importanza di un piano di risanamento economico aziendale sostenibile (le perdite aziendali superano i 2 milioni al mese), i sindacati hanno chiesto al governo di riaprire il confronto tenendo comunque fermo il punto sul no ai tagli del costo del lavoro. Il tempo intanto stringe, il prossimo 21 dicembre scade la procedura di mobilità e a quel punto potrebbero cominciare a partire le lettere di licenziamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inps: nei primi 10 mesi del 2016 boom di licenziamenti disciplinari. Voucher in aumento, -32% di contratti stabili

next
Articolo Successivo

Poletti come Scajola: che ne sa il ministro di quei centomila (giovani) rompicoglioni?

next