La diciottesima giornata di serie A TIM in calendario tra il 20 e il 22 dicembre sarà dedicata alla sensibilizzazione sul tema degli abusi e le violenze sui minori. Grazie a un accordo tra Lega Serie A e Telefono Azzurro – l’associazione dal 1987 in prima linea nella tutela dei diritti dei più piccoli – gli stadi accenderanno i riflettori sul mondo dell’infanzia e dell’adolescenza, tuttora in attesa di risposte concrete e positive da parte delle istituzioni: sono ancora troppi infatti i minori vittime di situazioni di disagio e violenza.

Solo Telefono Azzurro, come appena diffuso nell’ultimo dossier, ha gestito nell’ultimo anno attraverso le sue linee una media di quasi 4 casi al giorno di violenza e abuso (in totale 1402 casi. Senza parlare del sommerso, dato da quelle situazioni in cui i più piccoli si trincerano dietro un muro di silenzio e vergogna che li porta a tacere. E a subire, portando con sé una situazione di deriva psico-fisica che li accompagna nella maggior parte dei casi per tutta la vita. Richieste di ascolto e di aiuto che per il 41,2% hanno riguardato bambini dagli 0 ai 10 anni, nel 32,1% preadolescenti (11-14 anni) e nel 26,8% adolescenti (15-17 anni). Il 26,4% dei casi ha riguardato, inoltre, episodi di abuso psicologico, il 26,2% abuso fisico e il 10,6% abuso sessuale.

Dunque tutti in campo al fianco di Telefono Azzurro!

45512 è il numero solidale valido dal 19/12 fino al 1/1/2017, per riaccendere la luce della speranza, colmando questo vuoto. Telefono Azzurro aiuta i bambini attraverso due strumenti fondamentali: l’ascolto (alla linea 1.96.96) e l’intervento sul campo (nelle scuole o nelle situazioni di emergenza, come ad Amatrice e nelle altre zone colpite, dove l’Associazione è presente sin dalle prime ore successive al sisma, per offrire sostegno psicologico attraverso attività psico-educative).

45512 è il numero da contattare con SMS, donando da 2€ (TIM, Vodafone, WIND); o chiamando da rete fissa: 5 o 10 a scelta da TIM e Infostrada, o 10€ (da Vodafone)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali calcio 2022 in Qatar, ancora lavoro forzato. E l’Italia ci gioca la Supercoppa

next
Articolo Successivo

Eutanasia, dieci anni dopo Welby la legge è ancora lontana. Cappato: “Italiani favorevoli, ma la politica frena”

next