“Renzi? Se si fosse circondato di qualche critico, oltre che di molti leccapiedi, avrebbe avuto risultati diversi”. Così a Dimartedì (La7) il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, analizza gli errori commessi da Matteo Renzi nel suo governo. E aggiunge: “Magari qualcuno avrebbe potuto chiedergli chi glielo ha fatto fare di andare a giocarsi la carriera a 40 anni per una riforma scritta coi piedi. Purtroppo era circondato di lacchè che gli davano sempre ragione. Se fosse stato vero che mandava a casa un politico su tre, la riforma sarebbe stata approvata dal 99% dei cittadini”. Il giornalista Antonio Caprarica osserva: “La rottamazione promossa da Renzi aveva un approccio un po’ da ‘Happy Days’, un approccio che non viene dalla cultura della politica”. Travaglio ribadisce: “Napolitano ha fatto secco l’ennesimo presidente del Consiglio. Ricordiamo che Renzi, quando è arrivato, era considerato dal ceto politico l’ultima alternativa di establishment a Grillo. Era il Grillo in doppio petto, diceva le cose che gli italiani volevano sentirsi dire, e in gran parte erano cose anche condivisibili”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crozza: “Referendum? Hanno vinto Bersani e Cnel, due realtà obsolete che nessuno ha mai capito a che cazzo servissero”

prev
Articolo Successivo

Scanzi: “Renzi? Se sei un rottamatore 40enne e non ti votano i giovani, qualcosa non funziona”

next