Matteo Renzi e il fronte del Sì confidavano nel voto degli italiani all’estero, ma il boom dell’affluenza, alla fine, non c’è stato. A Castelnuovo di Porto, nel centro bunker fuori Roma dove sono scrutinate le schede dei connazionali all’estero, il verdetto relativo ai partecipanti al voto recita: 31,33% (esclusi gli elettori aggiunti, ndr), poco più di un milione e 250mila voti. “In linea con le ultime politiche del 2013”, spiegano dall’Ufficio Circoscrizione Estero. Numeri che, a dispetto di quanto si pensava alla vigilia, non saranno determinanti nel risultato finale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum: non è l’onda lunga del populismo, ma la richiesta di stabilità

next
Articolo Successivo

Riforme, Brunetta: “Ora il Pd indichi un nuovo premier e governi, se ne è capace”

next