Il vero protagonista della notte post referendum costituzionale non è stato Matteo Renzi con le sue dimissioni, ma il Cnel. Questo almeno è quanto successo sul web. Sono bastati i primi exit poll sull’esito del voto per intasare i social network di analisi, commenti e soprattutto di ironia. Ha vinto il No e quindi il Cnel continua a vivere: in rete la gente si è immaginata brindisi, trenini e grande festa tra i dipendenti del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro. Le battute non hanno risparmiato anche Matteo Renzi e uno dei fan del Sì, Roberto Benigni. Poi non è mancata l’ironia sulle altre vere protagoniste del referendum, le matite cancellabili, oltre a chi già ipotizza il nome del prossimo primo ministro: Trapattoni o Obama?

Enrico Mentana si conferma re dei social nelle notti “politiche”: l’hashtag #maratonamentana è stato a lungo il più utilizzato in Italia, prima di #referendumcostituzionale. La mattina del 5 dicembre le tendenze premiano l’esultanza dei sostenitori del No, con #ciaoneMatteo e #HaVintoLaDemocrazia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, la lunga notte del Pd tra no comment e sguardi bassi

next
Articolo Successivo

Referendum, la strategia della paura non ha funzionato

next