Il vero protagonista della notte post referendum costituzionale non è stato Matteo Renzi con le sue dimissioni, ma il Cnel. Questo almeno è quanto successo sul web. Sono bastati i primi exit poll sull’esito del voto per intasare i social network di analisi, commenti e soprattutto di ironia. Ha vinto il No e quindi il Cnel continua a vivere: in rete la gente si è immaginata brindisi, trenini e grande festa tra i dipendenti del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro. Le battute non hanno risparmiato anche Matteo Renzi e uno dei fan del Sì, Roberto Benigni. Poi non è mancata l’ironia sulle altre vere protagoniste del referendum, le matite cancellabili, oltre a chi già ipotizza il nome del prossimo primo ministro: Trapattoni o Obama?

Enrico Mentana si conferma re dei social nelle notti “politiche”: l’hashtag #maratonamentana è stato a lungo il più utilizzato in Italia, prima di #referendumcostituzionale. La mattina del 5 dicembre le tendenze premiano l’esultanza dei sostenitori del No, con #ciaoneMatteo e #HaVintoLaDemocrazia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Referendum, la lunga notte del Pd tra no comment e sguardi bassi

prev
Articolo Successivo

Referendum, la strategia della paura non ha funzionato

next