L’aereo sorvolava le acque al largo dell’isola di Batam, a sud di Singapore, quando è improvvisamente scomparso dai radar. Il velivolo fa parte della flotta della polizia indonesiana e aveva a bordo 16 persone. Si teme che possa essersi schiantato fra le isole di Mensanak e Sebangka o Gentar, nell’Indonesia occidentale. Una squadra di ricerca ha infatti ritrovato degli oggetti che apparentemente potrebbero appartenere all’aereo. Le autorità indonesiane hanno confermato che l’ultimo contatto con la torre di controllo nell’ovest del Paese è avvenuto 50 minuti dopo il decollo dall’isola di Bangka, al largo della costa sud-est di Sumatra. Poi il buio. Intanto continuano le operazioni di ricerca e soccorso.

L’ultimo caso di aereo scomparso risale al 22 luglio scorso, quando l’aeronautica militare indiana aveva perso il contatto con un proprio aereo da trasporto con 29 persone a bordo. Il velivolo – un Antonov An-32 – era decollato da Chennai (India) alle 8.30 e sarebbe dovuto arrivare a Port Blair tre ore più tardi. Quattro giorni dopo il generale Arup Raha aveva dichiarato: “Nonostante 96 ore di ricerche e l’impegno di un ingente quantitativo di uomini e mezzi, non siamo riusciti a localizzare l’aereo”.

L’episodio più noto è invece quello del volo Malaysia Airlines MH370, scomparso l’8 marzo 2014 con 239 persone a bordo. L’aereo sparì dai radar poco dopo essere decollato da Kuala Lumpur ed era diretto a Pechino. Dopo due anni di mistero, i resti del velivolo sono stati ritrovati lo scorso 24 marzo in Mozambico, sulla costa orientale africana. A recuperare alcuni pezzi dell’aereo sono stati un americano e una famiglia sudafricana in vacanza nella zona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, telefonata tra Trump e presidente di Taiwan. Pechino protesta formalmente: “C’è un’unica Cina”

prev
Articolo Successivo

Cuba, Maradona sull’isola per i funerali di Fidel Castro: “Per me come un secondo padre”

next