Sembra quasi un paradosso, per chi non ha mai amato la Costituzione della Repubblica italiana. Eppure nel fronte eterogeneo del No al referendum, tra chi evoca rischi per la democrazia e teme per un accentramento dei poteri in caso di vittoria dei Sì il 4 dicembre, trova posto anche l’Unione monarchica italiana. “Dobbiamo sfatare un mito. Oggi le monarchie sono le migliori democrazie possibili. E noi ci ispiriamo ai modelli presenti in Europa e non solo, monarchie costituzionali e parlamentari, non certo assolute”, sbandierano dall’U.M.I. nel corso di un incontro nella sede nazionale a Roma. O meglio, quasi un ritrovo tra pochi “intimi”, con meno di dieci partecipanti. Anche se, rivendicano i vertici,  “sono 70mila gli iscritti all’U.m.i., oltre 5 milioni i monarchici stimati in tutta Italia”. “E possiamo essere determinanti”, aggiunge il presidente Alessandro Sacchi, intervistato dal ilfattoquotidiano.it: “Noi non siamo nostalgici. Non vogliamo un uomo forte al comando, né una guida. Perché voteremo No? Può sembrare paradossale, ma il nostro non è un “No” in difesa di una Costituzione che resta antidemocratica, una Carta che abbiamo subito e che con l‘articolo 139 impone una Repubblica eterna, senza tenere conto dei 10 milioni e 200mila voti per la monarchia del 2 giugno 1946″, rivendica ancora Davide Colombo, segretario nazionale dell’Umi. Ma, insiste, “la riforma rischia di paralizzare il Paese”.  E Matteo Renzi? Il giudizio dell’U.m.i. è critico, a dir poco, se non impietoso: “Tornerà sulle rive dell’Arno a pescare le ranocchie. In una casa reale, potrebbe fare il segretario o dirigere le cucine…”, provoca Sacchi. Il presidente ne ha per tutti, anche per il ministro delle Riforme: “Non riesco a immaginare che la Costituzione firmata da De Nicola, possa essere emendata dall’avvocato Boschi”. Per poi precisare: “Vorrei ricordare che un monarca non è un despota, ma è un capo dello Stato. Sudditi? Lo siamo, ma per scelta”, aggiunge. E in sala la linea è unanime: “Mai sudditi dell’attuale premier”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, chi ha vinto ma soprattutto chi ha perso

prev
Articolo Successivo

Referendum, Renzi: “Al tavolo Berlusconi ci trova Grillo, non me. Dimissioni? Passerò la campanella con il sorriso”

next