Un piccolo giallo gira attorno alla pagina di WikipediaGoverni italiani per durata”, che riporta la data d’inizio e la data finale degli esecutivi dal 1861 ad oggi. La sera del 18 novembre la versione online de Il Tempo pubblica un articolo: “Wikipedia ha già deciso: Renzi cade il 4 dicembre”. Il giornale spiega come qualcuno abbia cambiato la pagina, inserendo la data del referendum come termine del governo di Matteo Renzi: “Un errore? Uno scherzo del fronte del no?”, commenta l’articolista Carlantonio Solimene. Poco dopo – scrive Il Tempo – la pagina viene di nuovo modificata, riportandola allo stato originario, con la corretta dicitura: “Governo in carica”.

L’episodio è curioso. Ricostruendo nel dettaglio la storia delle modifiche – Wikipedia registra ogni minimo intervento sulle pagine – si scopre che l’inserimento della data del 4 dicembre come fine del governo Renzi è durato solo un minuto, dalle 20.42 alle 20.43. Appena sessanta secondi, finestra che ha permesso alla redazione de Il Tempo di scoprire la modifica e di fare al volo uno screenshot: “Me ne sono accorto una ventina di minuti prima che il pezzo fosse online – spiega a ilfattoquotidiano.it l’autore dell’articolo – è stata una incredibile coincidenza, abbiamo beccato la pagina proprio in quel minuto. Stavamo scrivendo un pezzo sulla conferenza stampa di Renzi, dovevo verificare un dato, ho consultato la pagina su Wikipedia e mi sono accorto che era stata inserita la data del 4 dicembre”.

Guardando il log dei cambiamenti si scopre che la mano che effettua le due modifiche – la prima inserendo la data del 4 dicembre e la seconda ripristinando l’informazione corretta un minuto dopo – è la stessa. L’autore ignoto – che non è registrato sulla piattaforma Wikipedia – si è collegato da un’utenza di Wind-Infostrada (desumibile dal numero di IP) ed ha operato il doppio cambiamento in soli 60 secondi. Questo utente è intervenuto questa unica volta, non avendo mai inserito nessun contributo nella pagina da quando è stata creata nel 2012.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai: il fatturato scende, il personale sale

prev
Articolo Successivo

Trump: “Statua della libertà? Anacronistica vecchietta”. È pezzo (inventato) di satira, Repubblica la prende per cronaca

next