Finora, nelle catene di montaggio che fabbricano auto, il lavoro è stato sempre separato. “Umani” che operano singolarmente nei propi spazi, e robot che fanno altrettanto nei loro. Soprattutto perché questi ultimi non sono mai stati capaci di interagire con gli operai. Nel centro di ricerca Smart Production Lab di Volkswagen, con sede a Wolfsburg, hanno invece provato a ribaltare questa visione, immaginando un futuro di cooperazione tra uomo e macchina. Il risultato, come vedete nelle foto, sono due braccia robotiche che afferrano e installano gli alberi di trasmissione e i dischi della frizione autonomamente, ma lavorando fianco a fianco con uomini di cui percepiscono la presenza e gli eventuali ordini. Bloccandosi ed evitando accuratamente il contatto se l’operatore dovesse entrare nel loro spazio di azione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi, arrivano le colonnine elettriche gratuite su tutto l’arco alpino

next
Articolo Successivo

Alfa Romeo Stelvio, dall’America arrivano le prime immagini – FOTO

next