Il regista Michael Moore ha registrato questo video e lo ha pubblicato sulla sua pagina Facebook in diretta, ed è entrato nella Trump Tower per cercare di parlare con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ma gli agenti dei servizi segreti lo hanno bloccato prima che fosse entrato nei suoi uffici. A questo punto, il regista ha preso un foglio di carta ed ha scritto: “Mr. Trump sono qui, voglio parlare con te”, e lo ha consegnato al portiere del palazzo, durante la protesta che ha avuto luogo sotto il grattacielo dell’imprenditore. Moore ha firmato insieme a centinaia di altri artisti e musicisti un manifesto dal titolo ‘Uniti contro l’odio‘ per evitare che Donald Trump raggiungesse la Casa Bianca

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Donald Trump presidente, quarta notte di proteste negli Usa. Il tycoon incontra Farage. Moore entra nella Trump Tower: “Voglio parlarti”

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, università dello Utah: “Ecco perché per Donald Trump c’è il rischio di impeachment”

next