Grandi manovre della flotta russa davanti alle coste siriane. Una fonte vicina al ministero della Difesa, citato da Gazeta.ru, ha rivelato che il gruppo navale guidato dalla portaerei russa ‘Admiral Kuznetzov‘ e dall’incrociatore ‘Pietro il Grande‘ si sta preparando a colpire entro le prossime 24 ore i miliziani dell’opposizione dislocati nella provincia di Aleppo. Mentre in giornata caccia partiti dalla portaerei hanno sorvolato i cieli sopra Tartous, città siriana dove la Russia ha una base navale che si affaccia sul Mediterraneo. A riferirlo, è la testata online del governo di Mosca, Rossiskaia Gazeta, che cita il sito Defence.ru.

Sul terreno, ad Aleppo l’esercito regolare siriano, sostenuto da jihadisti sciiti, iraniani e libanesi, ha ripreso il controllo totale dell’area ‘Progetto 1070‘, nella periferia sudoccidentale della città siriana. E questo costisce il più importante avanzamento militare negli ultimi mesi. La notizia è stata diffusa dall’agenzia di stampa ufficiale siriana, Sana, che ha citato fonti militari che hanno sottolineato come anche alcuni terreni agricoli e le colline circostanti siano state conquistate dall’esercito.

Gli scontri continuano in tutta la Siria. Per il terzo giorno di fila, intensi raid aerei delle forze governative hanno colpito la zona della Ghouta, periferia di Damasco, causando la morte di 11 civili e il ferimento di decine di persone. Attivisti locali hanno riferito a Shaam, sito di notizie vicino all’opposizione, che tra le località nel mirino degli attacchi figurano Duma, Zamalka, Irbin, Ein Tarma, Hazarma, Awtaya e al-Nashabiyeh, precisando che le forze governative hanno usato anche bombe a grappolo, vietate dalle convenzioni internazionali.

Proprio i barili bomba continuano a uccidere e a seminare il terrore fra i civili siriani da ormai cinque anni, da quando è cominciato il conflitto. La Rete siriana per i diritti umani denuncia come solo nel mese di ottobre le forze del regime siriano abbiano sganciato “non meno di 1128 barili bomba”, nella maggior parte dei casi per colpire sobborghi della regione di Damasco, l’area di Hama, zone di Aleppo e Idlib.

A ottobre, secondo gli attivisti, sono almeno 14 i civili uccisi in attacchi in cui sono state utilizzate barrel bombs, compresi un bambino e una donna. I barili bomba, denunciano gli attivisti, sono “armi indiscriminate” che hanno effetti devastanti sui civili, oltre a provocare distruzione. Sganciati dall’alto, questi ordigni “non solo uccidono i civili, ma terrorizzano, mettono in fuga gli abitanti” delle zone colpite e il loro utilizzo in “questo modo selvaggio e incivile equivale a un crimine di guerra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mosul, esercito iracheno: “Trovata fossa comune con 100 cadaveri decapitati”

prev
Articolo Successivo

Usa 2016, Porno-Trump: tutto quello che gli Usa cercheranno di dimenticare. Ecco il peggio del peggio

next