Se Ornella Muti volesse diventare cittadina russa, Putin sarebbe pronto a considerare tale richiesta. A dirlo non è una persona qualsiasi ma il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, sottolineando che per il momento non è pervenuta nessuna richiesta ufficiale.

L’attrice italiana”non si è rivolta attraverso canali ufficiali” ha detto Peskov alla Tass, ma il quotidiano Kommersant aveva scritto che l’attrice italiana stava “preparando i documenti per richiedere” la cittadinanza alla Russia.

I rapporti fra il presidente russo e l’attrice italiana hanno avuto il loro culmine qualche anno fa. Nel 2010, la Muti aveva  preso parte a un evento di beneficenza con Vladimir Putin a San Pietroburgo, disattendendo, dandosi malata, un suo impegno a teatro in Italia per cui poi era stata condannata per truffa. Mentre nel 2012, accompagnata da Gerard Depardieu, era stata a Grozny per festeggiare il compleanno della città accanto a Ramzan Kadyrov, leader paramilitare e reggente – designato dal Cremlino- della martoriata repubblica di Cecenia.

Nel caso in cui volesse ottenere la cittadinanza russa, l’attrice italiana sarebbe solo l’ultima di una lunga lista di celebrità. Sono molte le star del grande schermo che hanno fatto richiesta a Mosca. Solo pochi giorni fa è stato firmato il decreto che ha concesso all’attore americano Steven Seagal il passaporto russo. Prima di lui, nel gennaio del 2013, era stata la volta dell’attore francese Gerard Depardieu. Ma nell’elenco non figurano solo nomi del cinema. Anche nel mondo sportivo ci sono aspiranti russi. Come il  boxeur americano Roy Jones, diventato ufficialmente russo nell’estate dello scorso anno, seguito a stretto giro dal connazionale Jeff Monson, campione di arti marziali, e dal judoka italiano Ezio Gamba, atterrato a Mosca a gennaio scorso per ottenere l’ambita cittadinanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Iraq, Amnesty: da Peshmerga pulizia etnica contro gli arabi a Kirkuk. Mosul, trovati 100 decapitati in fossa comune

prev
Articolo Successivo

Mine anti-uomo, un pastore tedesco paga a caro prezzo le operazioni di sminamento

next