Bere bibite zuccherate causa obesità o diabete? La risposta sarebbe no, se si desse ascolto agli studi finanziati dalle stesse industrie che producono queste bevande. A dimostrarlo una ricerca condotta dalla University of California di San Francisco, che ha analizzato le pubblicazioni scientifiche più autorevoli sul tema dal gennaio 2011 al luglio 2016. È emerso che gli studi indipendenti invece hanno mostrato un collegamento tra il consumo di bevande zuccherate e l’obesità o le malattie metaboliche, mentre altre 26 ricerche non hanno riscontrato una correlazione. La particolarità di quest’ultime è che sono state tutte finanziate dalle industrie che producono questo tipo di bibite.

“Se si guardasse esclusivamente agli studi indipendenti, sarebbe estremamente chiaro che queste bevande possono essere associate al diabete e all’obesità”, dice al New York Times il dottor Dean Schillinger, che ha guidato la ricerca. “Se oggi una parte della nostra società crede che le bibite zuccherate non causino malattie, è solo la conseguenza della controversia che la lobby ha creato”, aggiunge Schillinger. I produttori infatti stanno cercando di opporsi alle recenti iniziative normative, misure fiscali e linee guida nutrizionale introdotte negli Stati Uniti, proprio per tentare di contenere il consumo di bevande dolci. Tali iniziative sono basate sulle ricerche che provano la correlazione tra consumo e obesità. Le industrie si appoggiano invece sugli studi da loro finanziati, che negano questa associazione, per dimostrare che la questione è ancora controversa. Il gruppo di ricercatori della University of California è partito da questo presupposto per effettuare la sua indagine. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tumori, cellule con Dna modificato: al via test nel 2017 per applicare terapie su pazienti pediatrici

next
Articolo Successivo

Super Luna 2016, dal 14 novembre la più luminosa e grande degli ultimi 68

next