In silenzio, invisibili ai più, le famiglie dei bambini disabili napoletani stanno affrontando una prova difficile: per loro purtroppo l’inizio dell’anno scolastico non è ancora avvenuto.

Da un lato grazie alla riforma della “Buona scuola” di Renzi che, in un colpo solo, è riuscita ad ottenere il più eclatante vuoto di organico di insegnanti di sostegno dell’ultimo decennio e il contemporaneo utilizzo dalle graduatorie di insegnanti non specializzati. Dall’altro per le scelte effettuate dal Comune di Napoli in sede di bilancio previsionale che hanno di fatto annientato il trasporto scolastico e l’assistenza materiale per gli alunni disabili delle scuole materne e superiori. Scelte dettate dal governo centrale, ripetono da palazzo san Giacomo, che solo da poche ore ha provato con un provvedimento parziale a riparare.

Eppure siamo giunti quasi a novembre.

E’ doloroso evidenziare che da Roma il ministro dell’Istruzione ritenga normale la perdurante assenza di insegnanti di sostegno dopo oltre 40 giorni dall’apertura dell’anno scolastico. E continui a tacere.

Quelli che non possono stare zitte sono le famiglie di disabili che si chiedono e ci chiedono che fare.

Che fare quando le insegnanti accolgono allargando le braccia i loro figli ed ammettono di essere impossibilitate a “fare” scuola senza le risorse necessarie.

Che fare quando i dirigenti scolastici, a bassa voce perché ormai dal Miur si viene giudicati se si disturba troppo, vorrebbero strapparsi i capelli ed urlare che senza insegnanti, con classi affollate, senza assistentato materiale la scuola per gli alunni disabili è una via Crucis. Proprio così, una via Crucis costellata da lacrime trattenute a malapena dai genitori, da silenziosi mugugni o attacchi di ira nello scoprire, al ritorno da scuola, il proprio figlio inzuppato di pipì e con i quaderni desolatamente vuoti.

“A chi vuole che interessi dei nostri figli?”, ripetono spesso le mamme ed i papà. E’ difficile rispondere ad una domanda così drammatica. I figli più fragili sono una priorità o almeno dovrebbero esserlo. Forse dovrebbero esserlo al sindaco di Napoli ed ai suoi assessori, al presidente della Regione ed alla sua giunta, al ministro Giannini ed ai parlamentari della Campania e di tutta l’Italia.

Forse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lecce, tennista disabile fa causa a Ryanair: “Costretto a pagare supplemento per attrezzatura della sua carrozzina”

next
Articolo Successivo

Rom: violarne i diritti con la scusa di salvare la loro cultura

next