Iniziato lo sgombero della Giunga di Calais, il campo profughi più grande d’Europa. Già evacuati 1700 migranti che verranno distribuiti in vari centri accoglienza in tutta la Francia. Secondo le Ong attive nel campo, sono circa 2000 i migranti che si rifiutano di partire per non dover rinunciare al loro sogno di raggiungere l’Inghilterra dove molti di loro hanno famiglia. Alcuni vivono nella Giungla da oltre un anno e promettono di ricostruirla non appena le autorità francesi avranno finito di smantellarla

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, da rivolta a guerra internazionale. La speranza nei caschi bianchi

next
Articolo Successivo

Dalai Lama a Milano, la protesta sorridente che la Cina teme

next