Ci aveva provato senza successo col Parlamento europeo, ce l’ha fatta con quello italiano: Gabriele Albertini (Ap-Ncd) è insindacabile. La Giunta per le Immunità del Senato “salva” di fatto l’ex sindaco di Milano dal processo a suo carico accogliendo la richiesta della relatrice Rosanna Filippin (Pd) di pronunciarsi contro la procedibilità per i giudizi che espresse da sindaco. Una decisione che, di fatto, introduce nel nostro ordinamento l’istituto dell’immunità retroattiva e anticipa per certi versi gli effetti della riforma del Senato, dove i sindaci-senatori saranno coperti da immunità per le opinioni che esprimo in quanto amministratori.

Contro Albertini, che era stato querelato per calunnia dal Pm milanese Alfredo Robledo, hanno votato solo i 3 senatori del Movimento 5 Stelle e Felice Casson (Pd). Tutti gli altri, Pd, Ap e il resto delle opposizioni compresa la Lega, hanno votato in suo favore. Ci sono volute quattro sedute per arrivare a questo risultato e non poche forzature. Albertini, alla vigilia di una delle riunioni di giunta, aveva dichiarato apertamente che non avrebbe dato i voti alla maggioranza in Senato se quella non li avesse dati a lui. Il ricatto, mai smentito, ha funzionato e non è servito neppure leggere le carte: lo stesso Robledo, alla vigilia della penultima giunta, aveva fatto avere ai suoi componenti la richiesta di rinvio a giudizio di Albertini  in sede penale nonché la sua condanna in sede civile presso il Tribunale di Brescia, intervenuta a fine settembre. Un atto dovuto per chiarire che all’epoca dei fatti Albertini era sindaco, non senatore. Tentativo inutile: la giunta vota per non acquisirle.

L’intera vicenda parte da lontano, quando Robledo era ancora procuratore aggiunto a Milano e indagava su vari filoni dell’amministrazione Albertini: i derivati, la questione degli emendamenti in bianco, l’acquisto di quote della Serravalle. Il primo cittadino di Milano, a più riprese, sostenne sui giornali che le  indagini fossero mosse da fini politici e che nell’esercitare la sua funzione inquirente Robledo “usava metodi da gestapo“. Per questi articoli il magistrato lo querela citandolo in sede civile e penale. Il Tribunale civile di Brescia a settembre 2016 condanna l’ex sindaco, la Procura ne chiede il rinvio a giudizio. Ed è sul via libera al processo penale che era chiamata a esprimersi la giunta.

In vero Albertini aveva cercato l’immunità anche quando era parlamentare europeo senza riuscire a ottenerla proprio per il fatto che le sue opinioni erano riferibili a quando era sindaco e non eurodeputato. Una logica da cui si sfugge solo se ci s’infila la politica. E infatti Albertini condiziona, di fatto, il giudizio dei membri della giunta calando l’asso dell’appoggio alla maggioranza in Senato. Epilogo: la giunta vota come atto di fede, un po’ come i parlamentari ai tempi di Ruby “nipote di Mubarack”: Albertini ha espresso il suo convincimento nell’esercizio del suo mandato parlamentare, anche se parlamentare non era. Punto. Ora dovrà essere l’Aula del Senato a prendere la decisione definitiva sulla vicenda.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Mafia Capitale, parla Carminati: “Sembro il più scemo, mentre stanno tutti zitti” – ASCOLTA L’AUDIO

next
Articolo Successivo

Grandi Opere, 31 arresti per i lavori della Tav e dell’A3: ‘Cemento che sembra colla’. Coinvolti i figli di Monorchio e Lunardi

next