Un uomo ha citato in giudizio la città di Allentown in Pennsylvania (USA) insieme al dipartimento di polizia locale per l’eccessivo uso della forza da parte delle forze dell’ordine durante un controllo. I fatti risalgono al 30 maggio 2015. Una pattuglia ferma un suv con 4 persone sospettatte di rapina. Sotto la minaccia delle armi, dall’auto scende il 33enne Hector Medina-Pena. Subito dopo altri due uomini fanno lo stesso e si distendono a terra. Medina-Pena esegue gli ordini coricandosi a faccia in giù, quando improvvisamente un agente, Joseph M. Iannetta si precipita su di lui e gli sferra un violento calcio sul viso provocandogli la frattura della mandibola. Subito dopo l’agente si dirige verso il posto guida e con altrettanta violenza, coadiuvato da altri due agenti, trascina giù dall’auto il quarto uomo, ancora al volante. Il comando di polizia ha dichiarato che l’azione di Iannetta è perfettamente legale. La causa intentata dalla vittima ha sostenuto che il dipartimento di polizia ha coperto l’incidente presentando false notizie sulla dinamica dei fatti. Il video è stato girato dalla dashcam dello stesso Iannetta e presentato come prova nella causa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Guerra in Iraq: Mosul sarà ripresa, ma più di un milione di civili cercheranno rifugio

prev
Articolo Successivo

Iraq, prosegue l’avanzata curdo-irachena verso Mosul. Ma l’Isis apre nuovo fronte di guerra e attacca Rutba

next