“E’ un risultato parziale, ma molti obiettivi sono stati raggiunti, l’orbiter ha funzionato benissimo, il modulo Schiaparelli ha seguito quasi tutte le fasi correttamente, potremmo capire solo dopo l’analisi dei dati cosa è successo nella fase di discesa, ci vorrà tempo” spiega Roberto Battiston, presidente dell’Asi, agenzia spaziale italiana. “Questo non compromette la missione 2020, per la quale l’ingresso nell’atmosfera marziana era fondamentale” aggiunge. Il rover si è schiantato, troppa velocità nella discesa, ha avuto in un impatto violento, il periodo delle tempeste avrà influito? Sono domande a cui l’Esa, l’agenzia spaziale europea, darà risposte con il tempo, ma ha confermato che molti dati stanno arrivando.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Saguto, sequestro “urgente” al giudice accusato di corruzione: “Ingenti somme di denaro, immobili e quote societarie”

next
Articolo Successivo

Busto Arsizio, si spacciava per finanziere e chiedeva favori in cambio di intercessioni. Smascherato dai colleghi veri

next