Avevano intonato “Bella ciao” in pubblico durante una manifestazione non autorizzata, e per questo erano stati condannati a pagare una multa di oltre mille euro. Ora, però, per i 7 antifascisti di Isernia è arrivata l’assoluzione con formula piena. Così ha deciso il Tribunale del capoluogo molisano, affermando che il fatto non costituisce reato. A renderlo noto è Italo Di Sabato, responsabile dell’Osservatorio sulla repressione.

La vicenda risale all’ottobre del 2011. La Provincia di Isernia aveva concesso una sala della sua sede ad un gruppo di “fascisti del terzo millennio”: l’occasione era la presentazione di un romanzo su CasaPound, il movimento politico di estrema destra. Alcuni attivisti del Comitato antifascista molisano avevano protestato davanti allo stesso palazzo della Provincia: una manifestazione non autorizzata durante la quale era stato cantato l’inno simbolo della Resistenza ed erano stati scanditi altri slogan come “il Molise è antifascista”. Sette di loro, per questo, erano stati condannati, nell’agosto del 2012, con decreto penale a 8 giorni di reclusione, convertiti poi in una multa di 1.350 euro a persona. Il Tribunale di Isernia aveva emesso la sua sentenza sulla base di un Regio decreto risalente al 1931. A distanza di oltre 4 anni, è arrivata l’assoluzione.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Farmaci, furti di antitumorali per oltre 2 milioni: 18 arresti. L’ombra della camorra

next
Articolo Successivo

Italiani uccisi in Libia, indagato un manager della Bonatti per omicidio colposo

next