Il capo della segreteria di un deputato Tory l’uomo è stato arrestato con l’accusa di aver stuprato una donna all’interno del Parlamento di Westminster. Nelle prime ore di venerdì 14 ottobre il 23enne Sam Armstrong, collaboratore del conservatore Craig Mackinlay, è stato fermato dalle forze dell’ordine. A riferirlo oggi sono i media britannici. Scotland Yard ha confermato che l’uomo è stato rilasciato su cauzione fino alla metà di gennaio mentre sono in corso le indagini.

Secondo le prime ricostruzioni il ragazzo si sarebbe appartato con una donna nella sera tra giovedì 13 e venerdì 14 ottobre. Dopo la richiesta delle forze dell’ordine e degli uffici parlamentari, il deputato ha consentito il pieno accesso nel suo ufficio di Westminster. “Mackinlay aspetta ora altre informazioni della polizia”, ha fatto sapere il portavoce. Un portavoce della Camera dei Comuni ha riferito oggi di essere a conoscenza del caso e che il Parlamento sta lavorando “a stretto contatto” con la polizia, anche se non ha fornito ulteriori dettagli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calais, interprete della Tv francese: “Stuprata da un migrante”. Intanto i giudici autorizzano sgombero del campo

prev
Articolo Successivo

Unesco, confermata risoluzione su Spianata criticata da Israele. “Minacce di morte a direttrice Irina Bokova”

next