Portare a bordo un Samsung Galaxy Note 7 su un volo Alitalia da oggi è vietato. Lo ha annunciato la compagnia aerea con un comunicato: “La decisione di proibire il trasporto di questi dispositivi è stata presa in seguito alla disposizione urgente emanata ieri dal Dipartimento dei Trasporti statunitense che, per garantire i massimi standard di sicurezza a bordo, ha vietato gli smartphone Samsung Galaxy Note 7 su tutti gli aerei negli Stati Uniti”. Nei giorni scorsi Alitalia aveva già vietato il trasporto del telefono nei bagagli da stiva o come spedizione cargo.

La decisione arriva dopo i numerosi episodi di combustione, che hanno fatto decidere a Samsung la sospensione a livello globale delle vendite e della sostituzione dello smartphone. Solo due settimane fa negli Stati Uniti un aereo della Southwest Airlines era stato evacuato a causa del fumo emesso da un Galaxy Note 7. In Italia entro la prossima settimana tutti i cellulari verranno ritirati. “Abbiamo poco meno di 2.000 device sul territorio italiano, sono stati da subito contattati i clienti, uno a uno, entro la prossima settimana ritireremo tutti i dispositivi”, ha dichiarato Carlo Barlocco, presidente della Samsung Electronics Italia. “Senza essere sollecitati da nessuno – ha poi aggiunto – abbiamo riconosciuto il nostro errore e richiamato gli smartphone. Una operazione che ci è costata 5 miliardi di euro di profitti, ma con la sicurezza non si scherza”.

Il Galaxy Note 7 era stato messo sul mercato lo scorso 19 agosto. Dopo due settimane Samsung aveva annunciato il richiamo di 2,5 milioni di Galaxy Note 7 per la batteria difettosa. Più di 35 casi di esplosione erano stati accertati. Anche i modelli sostitutivi hanno continuato a causare problemi. Solo in Australia sono stati richiamati oltre 51mila smartphone.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, password rubate? Cambiarla non vi servirà

next
Articolo Successivo

Ebook, a Milano o a Torino l’importante è che se ne parli

next