Portare a bordo un Samsung Galaxy Note 7 su un volo Alitalia da oggi è vietato. Lo ha annunciato la compagnia aerea con un comunicato: “La decisione di proibire il trasporto di questi dispositivi è stata presa in seguito alla disposizione urgente emanata ieri dal Dipartimento dei Trasporti statunitense che, per garantire i massimi standard di sicurezza a bordo, ha vietato gli smartphone Samsung Galaxy Note 7 su tutti gli aerei negli Stati Uniti”. Nei giorni scorsi Alitalia aveva già vietato il trasporto del telefono nei bagagli da stiva o come spedizione cargo.

La decisione arriva dopo i numerosi episodi di combustione, che hanno fatto decidere a Samsung la sospensione a livello globale delle vendite e della sostituzione dello smartphone. Solo due settimane fa negli Stati Uniti un aereo della Southwest Airlines era stato evacuato a causa del fumo emesso da un Galaxy Note 7. In Italia entro la prossima settimana tutti i cellulari verranno ritirati. “Abbiamo poco meno di 2.000 device sul territorio italiano, sono stati da subito contattati i clienti, uno a uno, entro la prossima settimana ritireremo tutti i dispositivi”, ha dichiarato Carlo Barlocco, presidente della Samsung Electronics Italia. “Senza essere sollecitati da nessuno – ha poi aggiunto – abbiamo riconosciuto il nostro errore e richiamato gli smartphone. Una operazione che ci è costata 5 miliardi di euro di profitti, ma con la sicurezza non si scherza”.

Il Galaxy Note 7 era stato messo sul mercato lo scorso 19 agosto. Dopo due settimane Samsung aveva annunciato il richiamo di 2,5 milioni di Galaxy Note 7 per la batteria difettosa. Più di 35 casi di esplosione erano stati accertati. Anche i modelli sostitutivi hanno continuato a causare problemi. Solo in Australia sono stati richiamati oltre 51mila smartphone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amazon, password rubate? Cambiarla non vi servirà

prev
Articolo Successivo

Ebook, a Milano o a Torino l’importante è che se ne parli

next