Da 25 a 22 millimetri. La differenza è minima, ma si parla di vongole e per i pescatori italiani significa molto. La Commissione europea, ormai è ufficiale, “ha adottato un atto delegato che stabilisce un piano di gestione dei molluschi nelle acque italiane”. La taglia accettabile è stata appunto “ridotta da 25 a 22 millimetri per un periodo di tre anni a partire dal gennaio 2017“, ha confermato Enrico Brivio, portavoce del commissario Ue alla pesca Karmenu Vella, durante il briefing con la stampa a Bruxelles. Si chiude così un’annosa disputa che ha visto per lungo tempo il comparto della pesca sulle barricate contro una decisione che avrebbe messo fuori legge – con tanto di rischio di sequestri, multe e blocco dell’attività – chi fosse stato beccato con una vongola troppo piccola nella rete.

Il primo annuncio era arrivato il 10 ottobre da Giuseppe Castiglione, sottosegretario alle Politiche agricole, durante il Consiglio agricoltura e pesca a Lussemburgo. Ora la notizia è confermata. E il settore ittico italiano esulta. “Potrebbe sembrare solo una questione di millimetri – spiega Brivio – ma è in realtà importante per molti pescatori del mare Adriatico, che hanno dovuto pagare delle multe per aver pescato delle vongole sotto misura. Abbiamo tenuto conto – prosegue Brivio – delle raccomandazioni proposte dall’Italia e valutate dagli scienziati che assicureranno un futuro economicamente sostenibile per i pescatori italiani”.

Tre millimetri, dunque, ma fondamentali. Tanto che la disputa sulle vongole, tra Roma e Bruxelles, andava avanti da anni. Da un lato la Commissione, che riprendendo in realtà una normativa già in vigore in Italia, imponeva i 25 millimetri come misura minima dei molluschi per proteggerli da un eccessivo sfruttamento; dall’altro i pescatori italiani e le loro associazioni di rappresentanza, che denunciano la scarsa redditività del loro commercio. L’accordo, alla fine, è comunque stato raggiunto. “Il governo italiano – conclude Brivio – dal canto suo ha acconsentito  ad adottare misure che manterranno gli stock a buoni livelli e consentiranno di migliorare il monitoraggio scientifico, la raccolta di dati e i controlli”.

Anche la Coldiretti Impresapesca canta vittoria. Il via libera definitivo da Bruxelles, afferma l’associazione, salva uno dei piatti più amati dagli italiani dopo che i cambiamenti climatici hanno “rimpicciolito” le vongole al di sotto della taglia consentita. La risoluzione dello “storico contenzioso”, si sottolinea, è utile a salvaguardare anche le esportazioni, che rappresentano quasi la metà della produzione nazionale con un impatto devastante su un settore che impegna direttamente in Italia una flotta di circa 710 imprese e oltre 1600 addetti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit in tribunale, può il Parlamento inglese fermare il governo?

next
Articolo Successivo

Barroso, politici e pensioni d’oro. Basta porte girevoli tra politica e finanza

next