La Polizia ha arrestato i pusher che spacciavano all’esterno e all’interno del cimitero di Prima Porta di Roma. Con l’operazione ‘Faraone‘, infatti, sono state eseguite 7 misure cautelari emesse dal Gip del Tribunale di Roma, a carico di altrettanti cittadini nord Africani, indagati per aver gestito in concorso una fiorente attività di spaccio. La rete di pusher sfruttava la vegetazione della zona anche per nascondere apposite ‘vedette’, con il compito di segnalare l’arrivo delle Forze dell’Ordine. La droga era venduta principalmente sulla via Flaminia. Lo spacciatore, apparentemente al lavoro tra i banchi di vendita dei fiori, sostando sul ciglio della strada, veniva avvicinato dall’autovettura con a bordo il cliente che, senza scendere dal mezzo, riceveva la droga richiesta. Il cimitero era il luogo dove la droga veniva preparata e confezionata in dosi e nascosta, persino dentro le cappelle e i mausolei tombali, pronta per essere venduta

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bari, dipendenti infedeli filmati mentre rubavano il pesce. Sei arresti

prev
Articolo Successivo

Roma, ospedale San Camillo: perché un malato terminale era tenuto in pronto soccorso?

next