Un maglioncino con lo scotch tenuto sospeso tra il muro e il paravento, e i corpi dei familiari per tutelare gli ultimi istanti di una vita al suo termine. È stata questa l’unica forma di privacy concessa per morire a un malato terminale, dopo 56 ore di agonia all’interno dell’ospedale romano, il San Camillo. Avere diritto ad una morte dignitosa anche nella Capitale d’Italia è ciò che Patrizio Cairoli, giornalista di Askanews, figlio dell’uomo stroncato da un tumore, ha reclamato anche a Piazza Pulita (La7), dopo aver inviato una lettera al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, la quale si è detta “molto colpita” della missiva “perché ci sono dei punti molto gravi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Grillo e Raggi: “Ordigno in casa di collaboratore della giunta. Diamo fastidio a qualcuno”. Procura apre un’inchiesta

prev
Articolo Successivo

Cervino, precipitati sul versante sud il presidente delle guide alpine Gérard e un maestro di sci. Probabile caduta di sassi

next