Per i 64 anni di Vladimir Putin sono arrivati alcuni auguri “ironici” da New York. Sul ponte di Manhattan è stato appeso un maxi ritratto del leader del Cremlino su sfondo di bandiere russe e siriane con la scritta “Peacemaker“. Alcuni testimoni hanno riferito di aver visto due ragazzi assestare lo striscione sul ponte, poi rimosso dalla polizia.

L’agenzia ufficiale russa Tass ha dichiarato che Putin trascorrerà il suo compleanno in compagnia di amici e parenti. “Il presidente – ha riferito Dmitri Peskov, portavoce del Cremlino – non ha in programma eventi pubblici. In ogni caso, ci saranno telefonate internazionali, auguri. In questo modo alcuni temi fondamentali saranno discussi. I capi di Stato fanno sempre così, non si limitano mai nelle loro conversazioni a parlare delle feste”.

L’anno scorso, nel giorno del suo compleanno, Putin aveva annunciato in televisione i bombardamenti russi in Siria. Dopo si era concesso una partita di hockey con vecchie glorie e funzionari dello Stato. In quell’occasione la sua squadra vinse 15-10 e il leader del Cremlino segnò sette reti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Premio Nobel per la Pace 2016 assegnato al presidente della Colombia Juan Manuel Santos

prev
Articolo Successivo

Montenegro tra debiti, scandali e giornalisti uccisi. Ma si vota per avere più diritti

next