Le autorità hanno iniziato a costruire il ‘muro inglese’ anti migranti, la barriera di 2 km di lunghezza e 4 metri di altezza in calcestruzzo vivo per rendere difficile l’arrampicata attorno all’autostrada che conduce al porto di Calais. Nella ‘Giungla’ – il più grande campo profughi del nord della Francia – secondo le associazioni vivono oggi circa 10mila migranti, dei quali il 10 per cento sono donne e il 10 per cento sono bambini. Secondo l’associazione ‘L’Auberge des migrants’, si tratta di una struttura “completamente inutile” in quanto i migranti non faranno altro che accedere all’autostrada da più lontano. Il costo del progetto, interamente finanziato da Londra, si aggira attorno ai 3 milioni di euro  di Alessio Pisanò

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, Mosca arriva a un passo da rottura con Usa: “Inaccettabile retorica contro di noi. Nuovo summit non ha senso”

next
Articolo Successivo

Calais, Hollande: “Giungla chiusa entro il 2016. Ma anche la Gran Bretagna faccia la sua parte”. Londra: “È faccenda francese”

next