I consiglieri M5S all’ingresso in Campidoglio cadono dalle nuvole sull’addio di Marcello Minenna e Carla Raineri. Annalisa Bernabei come il capogruppo Paolo Ferrara dicono di aver appreso il tutto dai media. “Se Minenna si dimette alle sette di mattina non chiama certo me, l’ho saputo come voi dalle agenzie”, risponde ai cronisti Enrico Stefano. “E’ un pezzo importante che se ne va, è ovvio, è assessore al Bilancio, c’è da capire perché si è dimesso, ma alla base vorrei dire che andremo avanti nel cambiamento e sceglieremo persone di qualità, con competenze, come già fatto” aggiunge. “Non è una crisi da vecchia politica, sapevamo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, è una città complicata, il capo di gabinetto Raineri si è dimessa per un parere dell’Anac e l’Anac non è il blog di Beppe Grillo”, replica alle domande  di Irene Buscemi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Raggi perde pezzi. Via il capo di gabinetto e il “super-assessore” Minenna. Lasciano anche vertici di Ama e Atac

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi a giunta: “Non ci fermiamo”. Bagarre in consiglio: M5s vota no ad audizione sindaca. Pd lascia aula

next