“La scuola era stata vista dal Genio civile che aveva dato l’ok”. Così il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ha commentato la notizia dell’apertura di un’inchiesta sul crollo dell’istituto scolastico della città, intitolato a Romolo Capranica, sbriciolato nonostante i recenti lavori di ristrutturazione. “Nel 2013  – ha spiegato il sindaco parlando proprio a pochi metri dalla struttura – in seguito a un sisma di minore intensità era stata vista dal Genio civile che ci aveva dato l’ok, e aveva fatto i complimenti. Al contrario era stato intimato di chiudere il liceo scientifico, e con un accordo abbiamo trasferito il liceo in un modulo che oggi ha tenuto. Ho fiducia nelle indagini: si scoprirà se qualcuno o l’impresa hanno lavorato male. Ma – conclude – facciamo una divisione tra quelli che sono i doveri e i diritti di un sindaco e quelli che sono le responsabilità dirette e indirette di un sindaco. Se no si rischia solo di creare un polverone”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, storie dei sopravvissuti. I vigili ai bimbi sepolti: “Vi tiriamo fuori e vi facciamo pompieri onorari”

next
Articolo Successivo

Amatrice, le immagini dei soccorsi tra le macerie dell’Hotel Roma

next