Dodici anni di reclusione. C’è una prima condanna definitiva nella vicenda delle aggressioni con l’acido messe in atto, secondo l’accusa, dagli ormai ex amanti Martina Levato e Alexander Boettcher e dal presunto basista Andrea Magnani. L’ex studentessa bocconiana, infatti, stando a quanto spiegato dal suo legale, l’avvocato Alessandra Guarini, ha deciso di non ricorrere in Cassazione contro la pena che le è stata inflitta, lo scorso aprile, dalla Corte d’Appello di Milano per il blitz nei confronti dell’ex fidanzatino Pietro Barbini.

Da quanto si è saputo, nemmeno la Procura generale di Milano ricorrerà in Cassazione e, dunque, anche se i termini per il ricorso formalmente non sono ancora scaduti, la condanna di fatto è ormai definitiva. Stanno lavorando all’impugnazione, invece, gli avvocati Lamberto Rongo e Giovanni Maria Flora, legali di Boettcher, condannato in secondo grado a 14 anni, come chiesto dal sostituto pg Lucilla Tontodonati, per il caso Barbini e a 23 anni in primo grado per gli altri blitz. In questo secondo filone, invece, Martina è stata condannata ad altri 16 anni, mentre il presunto complice Magnani a 9 anni e 4 mesi.

Per l’episodio ai danni di Barbini, che venne sfigurato il 28 dicembre 2014 (quella sera i due amanti finirono in carcere), l’ex bocconiana in appello, a differenza di Boettcher che si è sempre professato innocente, è riuscita ad ottenere una riduzione della pena da 14 a 12 anni. Levato, infatti, come hanno scritto i giudici (Fabio Tucci-Piero Gamacchio-Simona Improta) nelle motivazioni, depositate lo scorso 6 luglio, ha intrapreso in carcere “un percorso evolutivo di apprezzabile positività“, ha offerto negli ultimi mesi “una confessione sempre più ampia” e ha così rotto “il rapporto con il coimputato” Boettcher, il quale prima aveva su di lei una “marcata dominazione“, mentre la ragazza “ne subiva la fascinazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Carceri, il governo si occupi di tortura e isolamento in cella

next
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, dai materiali alle procedure di costruzione: le due inchieste sul sisma. E gli sfollati rischiano l’indagine

next